Solstizio d’estate in Puglia: la magia del sole nelle Cattedrali

La giornata più lunga dell’anno è alle porte e la Puglia, con le sue Chiese e Cattedrali, ha una serie di tradizioni legate ai raggi del sole che, in questa giornata particolare, passano attraverso i fori presenti nelle vetrate ed illuminano perfettamente mosaici o formelle metalliche sul pavimento. Tradizioni  molto diffuse nelle cattedrali gotiche francesi (la più celebre quella di Chartres) e presenti anche nella nostra Regione.

Due degli eventi del Solstizio d’Estate in Puglia più importanti si svolgono, senza ombra di dubbio, nella Cattedrale di Siponto a Manfredonia e nella Cattedrale di Bari di San Sabino.

Cattedrale di Siponto-Manfredonia

Il primo fenomeno è identico a quello che avviene nella cattedrale francese di Chartres. Il raggio di sole più alto dell’anno viene catturato dalla volta della Chiesa, appositamente perforata, e giunge perfettamente al centro dei due pilastri che sorreggono la navata centrale. Un vero e proprio capolavoro, anche perchè il foro è stato ulteriormente diaframmato con un rosoncino a 11 raggi, che porta, il raggio di luce sul pavimento, ad essere arricchito da dei veri e propri “petali di luce“. L’evento si ripete ogni solstizio d’estate, al mezzogiorno astronomico (intorno alle 12:00 a.m.), e porta molti fedeli ad affollare la Cattedrale per poter assistere di persona al rituale.

Cattedrale di San Sabino-Bari

Il secondo è forse ancora più magico del primo. Nella Cattedrale di Bari, infatti, i raggi del sole filtrano attraverso il rosone centrale e coincidono perfettamente con il mosaico del pavimento davanti all’altare. Uno spettacolo carico di fascino di cui vi riportiamo la nostra personale esperienza lo scorso anno.

Giungiamo nella bellissima Cattedrale romanica di San Sabino intorno alle 15:30, parecchio prima il momento culminante del fenomeno che si ha intorno alle 17:10. La Chiesa è gremita e subito percepiamo l’attesa e l’importanza del rito per tutta la gente presente.

scopri_la_puglia_imperiale_solstizio_d'estate_in_puglia_la_magia_del_sole_nelle_cattedrali_9

Uno spettacolo carico di fascino, atteso da centinaia di persone che contano il lento procedere della luce all’interno della Chiesa, fino a quando non si posa perfettamente sul mosaico presente sul pavimento, inizialmente coperto da un telo.

Le sensazioni sono contrastanti. Percepiamo l’attesa dei fedeli del fenomeno intrisa da tanta religiosità e devozione e insieme il folclore delle danze e della musica che precedono l’evento. Un mix di sensazioni che, insieme al caldo dovuto alla folla e al primo sole estivo, rendono quasi spasmodica l’attesa del rituale.

L’atmosfera è accentuata dai canti del coro, dalle letture e da alcuni passi biblici che vengono riprodotti su uno schermo presente nella Chiesa. Un’atmosfera ai limiti del pagano che, però, rende affascinante, quasi teatrale tutta la situazione. L’attesa della gente cresce e, tra una foto ed un’altra, ci accorgiamo di essere circondati non solo da baresi, ma da gente proveniente da tutta Italia e addirittura da fuori, giunta nel capoluogo pugliese solo per vedere questo evento.

Passano i minuti e dal rosone centrale della facciata cominciano ad entrare i 18 raggi che proiettano a terra 18 macchie bianche. Ad accentuare visivamente il fenomeno, l’ultimo figurante pone l’incenso al centro del mosaico che rende quasi tridimensionali i raggi che penetrano nella Cattedrale.

L’attesa è quasi terminata e alle 17:08 la gente per un attimo sembra che nemmeno respiri. I raggi solari provenienti dal rosone sono perfettamente sovrapposti al mosaico presente sul pavimento della Cattedrale. Quello che è avvenuto è veramente straordinario e il religioso silenzio dell’attimo, viene rotto da un applauso che sembra non voglia mai terminare.

Il parroco della Cattedrale conclude con le sue parole l’evento, da lui stesso valorizzato con il passare degli anni e pone l’accento sul significato teologico-architettonico-artistico. Il realizzatore del rosone sul pavimento, infatti, doveva conoscere molto bene le leggi del movimento degli astri, per aver stabilito, con precisione millimetrica, che la luce proveniente dal rosone della facciata, in un solo momento dell’anno, nel Sosltizio d’Estate, coincida perfettamente con il rosone sul pavimento. Una perfezione e una magia che lasciano a bocca aperta.

Pian piano la Chiesa si svuota e, mentre la banda all’esterno, quasi festeggia il fenomeno che si è per un altro anno perfettamente ripetuto, ripensiamo al piccolo “miracolo” appena assistito e a come, anche nella nostra Puglia, avvengano riti ed usanze che spesso ricerchiamo in altre parti d’Italia o all’estero, ma sono presenti praticamente dietro l’angolo!

scopri_la_puglia_imperiale_solstizio_d'estate_in_puglia_la_magia_del_sole_nelle_cattedrali_14

Una piacevole scoperta che vi invitiamo a non perdere il prossimo 21 Giugno.

[Marco Caputi]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...